Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA NIPOTE PIZZUTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ma ssentitela llí cquela mmerdosa
Si ccome sce protenne e ffa la donna!
È un baiocco, pe ddio!, tra ccascio e ffronna,
E vvò mmette er zu’ bbecco in oggni cosa.

Ce parte cor parlà de fasse sposa...
Dà ssu la vosce a la madre, a la nonna...
Sputa sentenze... E indove se la fonna
Tanta cacca e arbaggia sta mocciolosa?

E nun zerve co mmé cche vve vortate
Tutt’ impipirizzita e bbarbottanno;
Ch’ io, bbe’ cche zzia, ve pijjo a sculacciate.

Che ne so! ssi vve fussivo mai creso...
A vvoi ve tocca de discorre quanno
Pissceno le galline: avet’inteso?

1 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 400 volte