Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MARITO PASCIOCCONE I

Giuseppe Gioacchino Belli

Si mme vò bbene?! povero Cammillo!
Quell’ omo io je potrebbe sfraggne l’ova
In faccia. A mmé nun me sta bbene a ddíllo,
Ma un marito ppiú bbono nun ze trova.

In zett’ anni che ll’ ho, mmai uno strillo!
Mai un tíret’-in-là! ’Ggni cosa nova
Ch’ essce a Rroma è ppe mmé: cqualunque grillo
Me viè, llui me lo leva, o cce se prova.

La sera poi ch’ è stracco, poveretto,
Pe ffàmme divertí, ffesta o nnun festa
Me conzeggna ar compare, e llui va a lletto.

E ppe cquesto, ecco llí, ssora Vincenza,
J’ ariessce oggni affare che ttiè in testa,
E ’r Ziggnore je dà la providenza.

2 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 408 volte