Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZOR CAMMILLO II

Giuseppe Gioacchino Belli

E bbene, e bbene: e ddàjjela, cor bene.
Io nun dico de nò, pe ddio de leggno!
Ma jje ne vojjo inzin’ a un certo seggno,
E sserro l’occhi pe nun fà ppiú sscene.

Doppo ch’ Iddio lo sa ssi cquante pene
Me pijjo sempre pe sto bbell’ ordeggno:
Doppo che llei pò ddí ccome m’ingeggno
Pe mmantenejje le bbudelle piene,

Nun passa ggiorno senza quarche vvojja,
Come le piastre io le zzappassi a ssome.
Ah! ll’ omo è un gran cardeo quanno s’ammojja.

Oggi madama vò ir caffè cor latte!
Io, sciorcinato, sto a cquadrini come
Sant’Onofrio a ccarzoni, e llei ce bbatte.

4 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 263 volte