Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PADRONE BBON’ ANIMA

Giuseppe Gioacchino Belli

È ito in paradiso. Morze jjeri,
Povero galantomo, in d’un assarto
D’àsima a ttredisciora men’ un quarto
Quann’ io stavo ssciacquanno li bbicchieri.

Tutto pe ccausa de st’infame apparto
De li letti da dà a li granattieri.
Eh, sposa mia, sò stati li penzieri,
Che ffanno peggio de mazzola e squarto.

Nun c’è rrimedio, lui, fin dar momento
Che pprincipiò a rrimette de saccoccia
Parze un pezzo de lardo a ffoco lento.

S’era arrivato a strugge a ggoccia a ggoccia
Che in ne li panni sce bballava drento
Come una nosce secca in ne la coccia.

4 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 1046 volte