Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE PIGGIONANTE SUSSURRONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Dico, ditem’ un po’, ssora commare,
Ch’ è ssuccesso cquassú? ffate la ggiostra? –
Sora minchiona, stamo a ccasa nostra
E vvolémo zzompà cquanto sce pare. –

Ma inzomma cqui da noi pe ccausa vostra
Viè ggiú er zolaro. – Povere somare!,
Ji fa male ir rimore! – E ste caggnare,
Dico, in che ddànno, sora bbrutta mostra? –

Drento a sti muri cqui ssemo padrone
De stà alegre e ggodé ccome sciaggarba.
Pagàmo, casomai, bbona piggione. –

Bbe’, bbe’, ddomani ve farà la lègge
Er Presidente... – E cce darà de bbarba.
Uggnuno ha er zanto suo che lo protegge.

4 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 290 volte