Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CUSCÍNA DE SOTTO

Giuseppe Gioacchino Belli

Sor’ Antonia, ch’edè ttutto sto fume? –
Ggnente, sor’ Anna: còscio le bbrasciole. –
Guardate cqui! nnun ce se vede lume!
V’acceca!, ve fa ppiaggne!, appanna er zole! –

E vvoi serrate. – Che bbelle parole!
Come, si le finestre sò un sfassciume?
Eppoi nun viè da le finestre sole:
Puramente er zolaro è un frascicume. –

E vvoi dunque incollatesce la carta. –
Starebbe fresca! Eh allora... – Ôh, allora, allora
Nun me seccate e annateve a ffà squarta.

Ciamancherebbe mó ppuro er ritosto,
C’ adesso pe ddà ggusto a la siggnora
Nun ze potessi fà mmanco l’arrosto!

5 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 777 volte