Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CONTO DE LE POSATE

Giuseppe Gioacchino Belli

Eccole tutte cqui nne la sarvietta
Come l’ho ttrove. Io doppo sparecchiato
C’ho aripassato er conto, ho aripassato,
Ciamancava un cucchiaro e una forchetta.

E llei crede a Lluscía? Si sta sciovetta
Bbutta la bbroda addoss’ a mmé ha sbajjato.
Ma ggneente: io nun capisco; io nun zò stato,
E nnun vojjo abbozzacce una saetta.

Sta faccenna sarà ccome sto lujjo
Che ssuccesse l’affare der grisolito
Der padrone, e cce fu cquer battibbujjo.

De quello puro ggià sta bbona pezza
Dava la corpa a mmé ssiconn’ er zolito,
Eppoi s’aritrovò ffra la monnezza.

6 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 361 volte