Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CORREZZION DE LI FIJJI

Giuseppe Gioacchino Belli

Tiè, ccane; tiè, ccaroggna; tiè, assassino:
Tiè, ppijja sú, animaccia d’impiccato.
Nò, ffío d’un porco, nun te lasso inzino
Che cco ste mane mie nun t’ho stroppiato.

E zzitto, zzitto llí, cche ssi’ ammazzato:
Quietete, o tte do er resto der carlino.
Ah nnun t’abbasta? A tté, strilla caino
Dunque pe cqueste sin che tt’essce er fiato.

E vvoi cosa sc’entrate, sor cazzaccio?
Je sete padre? questo è ssangue mio,
È mmi’ fijjo, e sso ío quer che mme faccio.

Quanto va cche l’acchiappo pe le zzampe
E vve lo sbatto in faccia? Oh a vvoi, per dio!,
Avemo messo er correttor de stampe!

11 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 381 volte