Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che ttalento de fijjo! Uh bbenedetto!
Je spunteno le grazzie co li denti.
C’è la commare che nn’ha ffatti venti
E cce giura ch’è un angelo, un folletto.

Eccolo, ancora me s’attacca ar petto,
Sí e nnò vva solo, e ggià ddisce accidenti.
Ha ttrenta mesi a mmaggio, e, ssi lo senti,
Bbiastima, fijjo mio, com’un ometto.

Lui pe strada ’ggni bbrécciola che ttrova
Nun pò ttiralla ché jj’amanca er fiato,
Ma bbisogna vedé ccome sce prova.

Si ttanto me dà ttanto appena nato,
Da granne ha da vení ’na cosa nova:
Ha da dà rresto a ttutto er viscinato.

11 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 1089 volte