Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’AMICHE D’UNA VORTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Quant’è cche nun ce sémo ppiú vvedute?
Sicuro che sarà cquarc’anno e anno!
Le cose de sto monno, eh? ccome vanno!
Ciaritrovamo tutt’e ddua canute.

C’ alegrione c’avemo godute!
Ma! ll’anni, fijja, passeno volanno.
Io? nun c’è mmale, nò. Chi? Ffiordinanno?
Sí, ppe ggrazia de Ddio, venne salute.

Nanna? s’è ffatta monica; e la storta
Ha ppijjato marito. Chi? la madre?
Nu lo sapévio? poverella! è mmorta.

Nòo, nnun ciàbbita ppiú Ttitta cqui accosto:
È ito in Borgo. Dite: e vvostro padre?
Campa?! Oh gguardate si cche vvecchio tosto!

12 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 1052 volte