Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA TOLETTA DE LA PADRONA

Giuseppe Gioacchino Belli

Li congressi de dei co Ppetronilla
Sò ppropio un ride da slocasse l’ossa.
Ce vò ppiú arte pe appuntà una spilla
Che ppe rregge li bbarberi a la smossa.

E ffa ttrippa, e sbrillenta, e nun attilla,
E strozza, e ffa bboccaccia, e cc’è ’na fossa...
Er color verde sbatte, er giallo strilla,
Er rosso? è ttroppo chiasso: er bianco? ingrossa...

Eppoi, ggira e rriggira, se finissce
Co l’andriè nnero, o de lana o de seta,
Perché er nero, se sa, ddona e smagrissce.

Smagrissce? Uhm, parerà in un tippe tappe;
Ma ttu vva’ ccor passetto a mmente quieta,
E ssi ssò cchiappe, trovi sempre chiappe.

26 marzo 1837

Questa poesia è stata letta 349 volte