Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Quello der Portogallo, che sse disce Re,
sta a Rroma a ccredenza, e cciàrza trono.
Quello de Francia pubbrica er perdono
Eppoi strilla: «Ah mmundiú! mmó ssó ffilisce».

Quel’antro de li Greghi, ch’è er piú bbono,
Se farebbe arrostí ssu la scinisce
P’er zu’ popolo; e intanto nun disdisce
Le truppe che Ppapà jje mannò in dono.

Lo Spaggnolo dilibbera la Spaggna
A ccannonate; e Ssuarfa romano
Piaggne er fraggello de la fame e mmaggna.

Misúreli accusí ’na quarta rasa
E una corma, per dio!, sò ssempre un grano;
E ffanno tutti er teatrino in casa.

25 maggio 1837

Questa poesia è stata letta 255 volte