Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZOR DIEGO ACCIACCATELLO

Giuseppe Gioacchino Belli

È vvero, è vvero, povero sor Diego!
Oggi v’ho ttrovo un po’ ammalorcicato.
Ve sete un tantinello ssciapinato:
Me state mosscio, sí, nnun ve lo nego.

Èrivo un anno fa ttant’inquartato,
E mmó pparete un moccolo de sego.
Uhm, ppe mmé ccerti nimmi io nu li spiego,
E nu li spieghería manco er curato.

Animo, via, nun ve sce fate bbrutto:
Ve mentovo er curato, solamente
Perch’ è ssolito in chiesa a spiegà ttutto.

Ma gguardatelo llí! nnun ce s’accora?!
Statem’ alegro, sú, nnun zarà ggnente.
Come disce? In un’ ora Iddio lavora.

26 maggio 1837

Questa poesia è stata letta 288 volte