Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE MAGGNÈRE CHE TTÚFENO

Giuseppe Gioacchino Belli

No; ssi ffussi venuto, disce: «Nino,
M’impresti un giulio? m’arigali un grosso?»
Io je lo davo; perch’io, quanno posso
Fà un zervizzio, lo fo, ssor Giuacchino.

Ma cquer véde uno che tte zzompa addosso,
Disce: «Sscirpa, per dio!, cqua sto lustrino,»
Che sserve?, io me sce sento un rosichino
Che staría quasi pe sputacce rosso.

Guarda che bbell’usanze bbuggiarone!
Protenne li quadrini da la ggente
Senza chièdeli prima co le bbone!

Una vorta st’azzione da villani
L’usaveno du’ sceti solamente:
L’assassini de strada e li sovrani.

11 giugno 1837

Questa poesia è stata letta 1078 volte