Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Rispetto? se lo meriti er cojjone.
Se presenta accusí ccom’ un vassallo,
E cchi ha, ssant’Iddio, da rispettallo?
Si jje sputen’ in faccia hanno raggione.

Io so cche cquanno adesso che ffa ccallo
Porto a smove er cavallo der padrone,
Dove passo oggni sceto de perzone
Me porteno rispetto p’ er cavallo.

Lui se vesti com’ è da servitore,
E ssarà arispettato e ariverito
E ariscevuto a pparo d’un ziggnore.

Chi avessi allora quarche bbrutt’ idea
De fà uno sfrèscio a llui, ccusí vvistito,
Doverà arispettà la riverea.

9 novembre 1837

Questa poesia è stata letta 533 volte