Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ALLONGUZZIONE DER PAPA

Giuseppe Gioacchino Belli

Disce che in d’una scerta allonguzzione
Che ha ffatto er Papa pe ggrattà la roggna
A un Re de fora, c’ ha mmesso in priggione
Er Vescovo dell’ acqua de Cologgna,

Bbisoggna bbene valutà, bbisoggna,
Tra ll’ antre, du’ bbellissime espressione,
Che llui cià ttanta e ppoi tanta raggione
Che cchi jje dassi torto è una caroggna.

La Santa Cchiesa lui la chiama Sposa
De l’aggnello; e in st’ affare va ar zicuro,
Perché ssa cche la pecora se tosa.

Poi verzo er fine disce chiaro e uperto
Che la Cchiesa è una viggna.
E cquesto puro Nun je se pò nnegà.
Vviggna è de scerto.

6 gennaio 1838

Questa poesia è stata letta 984 volte