Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ASPÈTTITO DE LA GGIUSTIZZIA I

Giuseppe Gioacchino Belli

Cos’ è ll’ omo! Ma eh? Cquanno se disce!
Ammanettato fra li preti e ’r boja
Avé ccorata quela cara ggioja,
De maggnà vvermiscelli co l’ alisce!

Sta ppe scallasse er culo a la scinisce
De l’infernaccio e ttiè cquer po’ de foja
De bbiastimà, ffijjaccio de ’na troja
La Madonna co ttutta la cornisce!

Dà ccapocciate... sputa in faccia a Ppiatti,...
Che ppoi in fin de fine è un monziggnore
Che mmanco er Papa j’usería sti tratti.

Làsselo scrapiccià; cché appena more
Ce troverà llaggiú ggastiga-matti
Che nnun ce se fa un cazzo er bell’umore.

24 gennaio 1838

Questa poesia è stata letta 1054 volte