Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ASPÈTTITO DE LA GGIUSTIZZIA II

Giuseppe Gioacchino Belli

Quanno a vvent’ora e ppiú monziggnor Ciacchi
Vedde ch’er reo, pe li su’ ggiusti fini,
Voleva annà a mmorí ccom’ e Ttarghini,
E cche ttutti li preti ereno stracchi,

Lassò in ner mezzo una partita a scacchi,
E annò a ddí ar Papa: «Sa? cquer Venturini,
Co ttutto San Giuvan de Fiorentini,
È inutile a sperallo che ss’abbacchi».

Er Zanto Padre a sto tremenno avviso,
Cacciò ’na chiave maschia da l’interno
D’un bussolotto, e stiede un po’ indisciso.

Poi, pe un impurzo der zu’ cor paterno,
Riponenno er chiavon der paradiso
Disse: «Tar sia de lui: vadi a l’ inferno».

25 gennaio 1838

Questa poesia è stata letta 1227 volte