Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA STRETTA DE JJER’ A NNOTTE

Giuseppe Gioacchino Belli

Dato er brodo a cquer povero Rimonno,
Io che ttre nnotte nun ho mmai dormito
M’ero bbuttato ggiú ttutto vistito,
E mme stavo fascenno er primo sonno.

Quanto me sento, dio sagranne monno!,
Scotolà pper un braccio e ttirà un dito.
«Chi è?» strillo infuscato e inzonnolito.
Disce: «Arzàteve, tata, ché vve vonno».

Figuràteve io che bbòtta ar core!
Fu ccome uno che mm’ avessi detto:
«Curre, Giachemandrèa; tu’ fijjo more».

Poi nun è stato ggnente, lo capisco:
Ma intanto llí pper lí, ssor Benedetto,
Me parze a mmé cche mme svejjassi er fisco.

4 febbraio 1838

Questa poesia è stata letta 1003 volte