Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E CCIÒ LI TISTIMÒNI

Giuseppe Gioacchino Belli

Quanno che er Zanto Padre passò jjeri
Pe Ppasquino ar tornà da la Nunziata
Stava cor una sciurma indiavolata
Peggio d’un caporal de granattieri.

E ffasceva una scerta chiacchierata
Ar cardinal Orioli e a Ffarcoggneri,
Che jje stàveno a ssede de facciata
Tutt’ e ddua zzitti zzitti e sseri seri.

La ggente intanto strillava a ttempesta;
E llui de cqua e de llà ddar carrozzone
’Na bbenedizzionaccia lesta lesta.

Poi ritornava co le su’ manone
A ggistí a cquelli; e cquelli co la testa
Pareva che jje dàssino raggione.

26 marzo 1838

Questa poesia è stata letta 1412 volte