Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’UPERTURA DER CONCRAVE

Giuseppe Gioacchino Belli

Senti, senti Castello come spara!
Senti Montescitorio come sona!
È sseggno ch’è ffinita sta caggnara,
E ’r Papa novo ggià sbenedizziona.

Bbe’? cche Ppapa averemo? È ccosa chiara:
O ppiú o mmeno, la solita canzona.
Chi vvòi che ssia? Quarc’antra faccia amara,
Compare mio, Dio sce la manni bbona.

Comincerà ccor fà aridà li peggni,
Cor rivotà le carcere de ladri,
Cor manovrà li soliti congeggni.

Eppoi, doppo tre o cquattro sittimane,
Sur fà de tutti l’antri Santi-Padri,
Diventerà, Ddio me perdoni, un cane.

2 febbraio 1831

Questa poesia è stata letta 1178 volte