Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Chiameli allibberàli o fframmasoni,
O ccarbonari, è ssempre una pappina:
È ssempre canajjaccia ggiacubbina
Da levàssela for de li cojjoni.

E ppe Ppapi io voría tanti Neroni
Che la mannàra de la quajjottina
Fascéssino arrotalla oggni matina
Acciò er zangue curressi a ffuntanoni.

Tu accèttua noantri in camisciola
E li preti e li frati, er rimanente
Vacce a la sceca e sségheje la gola.

Perché è mmejjo a scannà cquarch’ innoscente,
De quer che ssia c’una caroggna sola
Resti in ner monno a impuzzolí la ggente.

2 settembre 1838

Questa poesia è stata letta 416 volte