Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA LAVANNARA ZZOPPICONA

Giuseppe Gioacchino Belli

Voi me guardate ste carpacce rotte;
Eh, ssora sposa mia, stateve zzitta
Che cciò un gelone ar piede de man dritta
Che nun me fa rrequià mmanco la notte.

Io sciò mmesso ajjo pisto, io mela cotte,
Io sego, io pisscio callo, io sarvia fritta!...
Mó nun ce spero ppiú, ssora Ggiuditta,
Sin che l’inverno nun ze va a ffà fotte.

Disce: «E ttu nun girà». Bbelli conzijji!
Sí, stamo a ccasa: eppoi? come se spana?
Che abbusco? un accidente che jje pijji?

Ma ccazzo! a mmé cchi mme sce va in funtana?
Chi mme ne dà ppe mmantené li fijji?
Campo d’entrata io? fo la puttana?

14 maggio 1843

Questa poesia è stata letta 340 volte