Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI FIJJI A PPOSTICCIO

Giuseppe Gioacchino Belli

E ffarai bbene: l’accattà, ssorella,
È er piú mmejjo mistiere che sse dii. –
Nun ciò ffijji però, ssora Sabbella. –
Bbe’, tte n’affitto un paro de li mii! –

E ccosa protennete che vve dii? –
Un gross’ a ttest’ er giorno. – Cacarella!
Me pare de trattà cco li ggiudii! –
Maa, cco cquelli nun zei piú ppoverella!

C’è er maschio poi che ttanto curre e incoccia,
E ppiaggne, e ffiotta, e ppivola cor naso,
Che jje li strappa for de la saccoccia. –

E a cche ora li lasso? – A un’or’ de notte.
E ssi ppoi nun lavoreno? – In sto caso
Te l’imbriaco tutt’ e ddua de bbòtte.

14 maggio 1843

Questa poesia è stata letta 336 volte