Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA COMPASSION DE LA COMMARE

Giuseppe Gioacchino Belli

Chi? cchi è mmorto? er zor Checco?! Oh cche mme-dichi!
Me fai rimane un pizzico de sale.
E de che mmal’è mmorto, eh?, dde che mmale?
Ma ggià, de che! de li malacci antichi.

Ggesusmaria! chi vvò ssentí Ppasquale
Quanno lo sa, cch’ereno tanti amichi!
Ma ggià, er zor Checco, Iddio lo bbenedichi,
L’aveva, veh, una scera de spedale.

E cch’ha llassato? me figuro, stracci.
E la mojje che ddisce, poverella?
Sò ffiniti, eh?, li ssciali e li Testacci.

Vedova accusí ppresto! Ma ggià, cquella!
Nun passa un mese che, bbon pro jje facci,
Va cco un antro cornuto in carrettella.

30 luglio 1843

Questa poesia è stata letta 808 volte