Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

’NA SSCIACQUATA DE BBOCCA

Giuseppe Gioacchino Belli

Disce: vanno pulite. Ebbè? cce vanno.
Chi ha ddetto mai de no? cchi vve lo nega?
Ma sta painería come se spiega
Cor culetto scuperto de l’antr’anno?

Disce: ciànno quadrini. Ebbè? cce ll’hanno:
Sò rriccone: la grasscia je se sprega.
Ma Ddio sa cco cche bbuscio de bbottega
Fanno quer po’ da guadaggnà cche ffanno.

Eh rrïuprisse l’occhi er zor Filisce!
Povero padre! povero cojjone,
Che le credeva l’àrbera Finisce!

Saranno, veh, ddu’ regazzucce bbone.
Ccui nnun ze fa ppe mmormorà: sse disce
Pe ddí cche ssò ddu’ porche bbuggiarone.

4 agosto 1843

Questa poesia è stata letta 1857 volte