Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cosa vedi, eh? cche ffa?... ddi’, scopri ggnente?
Traòpri un antro po’ cquelo sportello.
Che? cc’è un paino? indov’èllo? indov’èllo?
Mannaggia! nun ze vede un accidente.

Ecco, ecco, viè avanti: e cquant’è bbello!
Chi ddiavolo sarà?... Ma cche pparente!
Uh, vva’, vva’, lui je stuzzica un pennente...
Lei je dà ssu le deta er mazzarello...

Che ffiandra! e nnun ce fa l’innoscentina?
Sta ffresco er zor milordo! oh llui scià ddato!
Vederà llui si è ssemmola o ffarina!

S’è ccacciat’ er cappello!... mó sse caccia...
Statte zzitta, nun ride... Uh!... cche ppeccato!
Ciànno serrata la finestra in faccia.

7 agosto 1843

Questa poesia è stata letta 332 volte