Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ma inzomma, de che ccosa se lamenta?
Da che pparte j’ho pperzo de rispetto?
Ch’ edè st’ inzurto che llei pijja a ppetto
Che ne vò ammazzà vventi e fferí ttrenta?

Tutt’ è cche mmarteddí ggiú ppe la sscenta
De la Salita de Cresscenzi, ho ddetto
Ch’ è ’na cristiana che nnegozzia in Ghetto
De carnaccia, de tinche e de pulenta.

Disce: «Ma cquesto me viè a ddí mmiggnotta».
Bbe’, cquann’ anche arrivassimo a sto nome,
Io nun pòzzo capí pperché jje scotta.

Chi a mmé mme disce oste, io me ne grorio.
E er dí pputtana a llei sarebbe come
Chiamà Ssu’ Santità Ppapa Grigorio.

21 giugno 1844

Questa poesia è stata letta 398 volte