Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PAPA A SSAN PIETRO I

Giuseppe Gioacchino Belli

Jeri er Papa fasceva, sor Chiappini,
La su’ visita ar Zanto Sagramento,
E sse ne stava llí ttutto contento
Tramezz’ a cquela frega de cusscini,

Ma ggià da un’ ora sce covava drento;
E cquelli sganganati papalini
Se storceveno come bburattini
Quann’ er ferretto j’ è un po’ ttroppo sscento.

Arfine er Monziggnor Cirimoggnere
Se fesce apposta sscivolà l’uffizzio
Da puttanone vecchio der mistiere.

E er Papa? Sartò ssú, ppijjò l’ abbriva,
E sse n’ aggnede a ccasa a ppriscipizzio.
Azzeccatesce un po’? Bbravo: dormiva.

5 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 335 volte