Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PAPA A SSAN PIETRO II

Giuseppe Gioacchino Belli

Me sce sò ttrovo io puro: anzi in ner vede
Quer bon zervo de Ddio ccusí ariccorto,
Che ppareva un cadavero de morto,
Ammazzato pe ccausa de la fede;

Fesce a la mojje de Matteo lo storto,
Che stava ar pizzo d’un pilastro a ssede,
Dico: «Nun pare llí, ssora Presede,
Cristo che facci l’orazzion’ all’orto?»

Ste parole l’ intese un berzitello,
Che gguardava ’ggni cosa, appiccicato
Co la panza a li ferri der cancello.

Disce: «Fijjolo, ve sete sbajjato.
Voi chiacchierate de passione, e cquello
S’inzoggna le ricchezze de lo Stato».

5 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 275 volte