Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER NEGOZZIANTE DE SPAGO

Giuseppe Gioacchino Belli

Certi ggiorni c’ar Papa je viè a ttajjo
De scelebbrà la tale o ttar funzione,
In sti tempi d’abbissi e rribbejjone
Che lo fanno annisconne e mmaggnà ll’ajjo,

Conforme che jje porteno er ragguajjo
Che Rroma è cquieta e ha stima der cannone,
Lui va, sse mette in chicchera, e indispone
Le cose nescessarie ar zu’ travajjo.

Ma infilato che ss’è ll’abbito longo,
Si jj’aricacchia quarch’idea de prima,
Er vappo scerca de fà nnassce un fongo.

Trovato c’ha er protesto, allora poi
Se vorta a un Minentissimo, e jje disce:
«Sor Cardinale mio, fatela voi».

1 marzo 1831

Questa poesia è stata letta 346 volte