Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA FIJJA AMMALORCICATA

Giuseppe Gioacchino Belli

Io nun zo ppiú cche ffamme.
Una regazza Che inzin’ a ccarnovale, sora Ghita,
Pijjava foco come l’acquavita
E ttutt’ er giorno me bballava in piazza!

’Na fijja che ggnisuno la strapazza,
S’ha da èsse accusí arinzinichita,
Sscelonita, anniscita, intontolita,
Come vienissi mó dd’ un’ antra razza!

Nun dorme guasi mai, nun ha ppiú ggusto
De maggnà, rridà ffora, se viè mmeno,
Je cressce er corpo, je fa mmale er busto...

Povera fijja! povera cratura!
Sapessivo, commare, quer che ppeno!
Ah! de scerto cqui cc’ è cquarche ffattura!

8 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 321 volte