Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

M’arimanna cqua llei, mastro Matteo,
A ccantavve la solita canzona:
Si jje sbrigate mai quela portrona
Foderata compaggn’ ar canapèo.

Provamosce un tantino er culiseo.
Ah bbenemio che ppacchia bbuggiarona!
Nun ce la pò er zofà cche la padrona
Ce voleva accuccià Ggiusepp’ ebbreo.

Co sta razza de mobbili a ppalazzo,
Che mmaravijja poi si a li siggnori
Je viè la vojja de nun fà ppiú un cazzo?

Viva la faccia de chi ccià cquadrini!,
Che pponno sfeghetà li servitori
Co le chiappe tramezz’ a sti cusscini.

10 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 269 volte