Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA NOVENA DE NATALE

Giuseppe Gioacchino Belli

Eh, ssiconno li gusti. Filumena
Se fa vvení cqueli gruggnacci amari
De li scechi: Mariuccia e Mmadalena
Chiameno sempre li carciofolari;

E a mmé mme pare che nun zii novena
Si nun zento sonà li piferari.
Co cquel’ annata de cantasilena
Che sserve, bbenemio!, sò ttroppi cari.

Quann’ è er giorno de santa Catarina
Che li risento, io ciarinasco ar monno:
Me pare a mmé dde diventà rreggina.

E cquelli che de notte nu li vonno?
Poveri sscemi! Io poi, ’na stiratina,
E mme il godo tra vviggijj’ e ssonno.

23 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 396 volte