Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VECCHIA COCCIUTA

Giuseppe Gioacchino Belli

«Mamma,» je discev’io sabbit’a otto,
«Nun girate accusí: vvoi séte sorda.»
Avevo da legalla co ’na corda?
Vorze usscí ssola, e scappò vvia de trotto.

Bbe’, a la svortata llí de Palaccorda,
Ce s’incontrò a ccavallo un giuvenotto:
Lei nu l’intese a ttempo, aggnede sotto,
E, inzin che ccampa, mó sse n’aricorda.

Inzin che ccampa, sí, cquella è ccapasce
De stà inchiodata in d’un fonno de letto:
Me sce sò mmessa ggià ll’anim’ in pasce.

E ccome se n’usscí cquer pasticcetto?
Cor un povera donna e un me dispiasce
Cacciò la bborza e jje bbuttò un papetto.

26 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 349 volte