Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA FIJJA STROPPIA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ce sarvò ppe mmiracolo la pelle,
Povera fijja! Ma arimase zzoppa;
E adesso me sta llí ccom’una pioppa,
O sse strascina un po’ cco le stampelle.

Er vento a nnoi nun ce va ssempre in poppa
Come va a le siggnore. Sibbè a cquelle
Le gamme je diventeno sciammelle,
Cianno bbona carrozza che ggaloppa.

Una siggnora, in qualunque disgrazzia,
Co li quadrini presto se la sbriga,
Ché sibbè nnun lavora è ssempre sazzia.

Ma a nnoi povera ggente che cce resta,
Si la man der Ziggnore sce gastiga?
De striggne l’occhi e dd’inchinà la testa.

29 dicembre 1844

Questa poesia è stata letta 274 volte