Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SCARROZZATA DE LI CARDINALI NOVI

Giuseppe Gioacchino Belli

Vanno a Ssan Pietro a ringrazziallo, Nena,
Pe ddacce essempio d’umirtà, ppe ddacce.
Jeso che gguittaria! Cristo che ffacce
De ggente che ddiggiuna a ppranzo e a ccena!

E sti cavalli? Maria grazziaprena!
’Ggni mosscio sovranello pò arrivacce.
E cche ppònno valé ste carrozzacce?
Seimila scudi l’una ammalappena.

Guarda er quipaggio de fòra e de drento:
Smiccelo bbene de drento e de fora:
È ttutta stracceria d’oro e dd’argento.

E accusí, co sto vive stiracchiato,
Poverelli, s’avvezzeno a bbon’ora
A ppatí le miserie der papato.

2 gennaio 1845

Questa poesia è stata letta 280 volte