Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA LIBBERTÀ DE CAMMERA SUA

Giuseppe Gioacchino Belli

Doppo pranzo er mi’ gusto quarche vvorta,
Mentr’er compaggno mio scopa e sparecchia,
È de guardà la padroncina vecchia
Dar buscio-de-la-chiave de la porta.

Ah che rride! E sse specchia, e ss’arispecchia,
E ffa gghignetti co la bocca storta,
E sse dipiggne la pellaccia morta,
E sse ficca un toppaccio in un’orecchia...

Poi se muta li denti e la perucca,
Se striggne er busto pe ffà ccressce er petto,
Se nínnola, s’allisscia, se spilucca...

E fra tutte ste smorfie e antre mille
Se bbutta sur zofà ccor caggnoletto
E cce fa cose ch’è vvergoggna a ddílle.

3 gennaio 1845

Questa poesia è stata letta 1157 volte