Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA NOTTE DE PASQUA BBEFANIA

Giuseppe Gioacchino Belli

Mamma! mamma! – Dormite. – Io nun ho ssonno. –
Fate dormí cchi ll’ha, ssor demonietto. –
Mamma, me vojj’arzà. – Ggiú, stamo a lletto. –
Nun ce posso stà ppiú; cqui mme sprofonno. –

Io nun ve vesto. – E io mó cchiamo nonno. –
Ma nun è ggiorno. – E cche mm’avevio detto
Che cciamancava poco? Ebbè? vv’aspetto? –
Auffa li meloni e nnu’ li vonno! –

Mamma, guardat’ un po’ ssi cce se vede? –
Ma tte dico cch’è nnotte. – Ajo! – Ch’è stato? –
O ddio mio!, m’ha ppijjato un granchio a un piede. –

Via, statte zzitto, mó attizzo er lumino. –
Sí, eppoi vedete un po’ cche mm’ha pportato
La bbefana a la cappa der cammino.

6 gennaio 1845

Questa poesia è stata letta 393 volte