Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MATINA DE PASQUA BBEFANIA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ber vede è da per tutto sti fonghetti,
Sti mammocci, sti furbi sciumachelli,
Fra ’na bbattajjeria de ggiucar

Arlecchini, trommette, purcinelli,
Cavallucci, ssediole, sciufoletti,
Carrettini, cuccú, schioppi, coccetti,
Sciabbole, bbarrettoni, tammurrelli...

Questo porta la cotta e la sottana,
Quello è vvistito in càmiscio e ppianeta,
E cquel’antro è uffizzial de la bbefana.

E intanto, o pprete, o cchirico, o uffizziale,
La robba dorce je tira le deta,
E mmamma strilla che ffinissce male.

6 gennaio 1845

Questa poesia è stata letta 518 volte