Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER VOLO DE SIMOMMÀCO

Giuseppe Gioacchino Belli

Vonno c’ appena entrò cquer perticone
De Tosti pe ugurajje er capodanno,
Disse er Papa: «E l’ affari come vanno?»
E ’r Cardinale: «Grazziaddio, bbenone».

Disce: «È astrippàto poi sto contrabbanno?»
Disce: «Nun passa ppiú mmanco un limone». –
«E vva avanti a Rripetta ir frabbicone?»
«Si pò ddí cche sta ppronto ar zu’ commanno.» –

«Li capitali?» – «Sò vvennuti tutti.» –
«Le spese?» – «Sò ar livello co l’ entrate.» –
«E ir debbito sc’ è ppiú?» – «Ssemo a li frutti»

Er Papa allora tritticò er cotóggno;
Poi disse: «A cquer che ssento, sor abbate,
Dunque di lei nun ce n’ è ppiú bbisoggno»

13 gennaio 1845

Questa poesia è stata letta 1173 volte