Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE REGAZZATE DE LI ROMAGGNOLI

Giuseppe Gioacchino Belli

Semo inzomma da capo, eh sor Zirvestro,
Co sti romaggnolacci de Romaggna?
Ma sta porca gginía de che sse laggna
C’oggni tantino j’ aripijja l’estro?

È ’na cosa ch’io propio sce sbalestro!
Lamentasse, pe ddio, de sta cuccagna!
Che spereno de ppiú? de vive a uffaggna?
De mette er zanto-padre in d’un canestro?

Nun cianno come nnoi cchiese, innurgenze,
Preti, conforterie, moniche, frati,
Carcere, tribbunali e pprisidenze?

Nun c’è ggiustizia llà ccome che cqui?
Ma vvia, propio ti matti sgazzarati
Se moreno de vojja de morí.

30 settembre 1845

Questa poesia è stata letta 259 volte