Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PASSETTO DE CASTEL SANT’ ANGIOLO

Giuseppe Gioacchino Belli

Lo vòi sapé cch’ edè cquer corritore
Che, ccuperto cqua e llà dda un tettarello,
Da San Pietro va ggiú ssin a Ccastello,
Dove tira a le vorte aria mijjore?

Mó tte lo dico in du’ bbattute:
Quello Lo tiè pper uso suo Nostro Siggnore,
Si mmai pe cquarche ppicca o bbell’ umore
Je criccassi de fà a nnisconnarello.

Drent’ a Ccastello ppò ggiucà a bbon gioco
Er Zanto-padre, si jje fanno spalla
Uno pe pparte er cantiggnere e er coco.

E ssotto la bbanniera bianca e ggialla
Pò ddà commidamente da quer loco
Binedizzione e ccannonate a ppalla.

17 dicembre 1845

Questa poesia è stata letta 1404 volte