Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Dico: «Facci de grazzia, sor don Zisto,
Lei che ste cose deve avelle intese:
Quanno stava quaggiú, trall’ antre spese
Manteneva sordati Ggesucristo?

Perché,» ddico, «lei sa cch’er monno tristo
Critica er zu’ Vicario a sto paese,
Che a ccasa e ppe le strade e in ne le cchiese
Senza sordateria nun z’ è mmai visto».

«Fijjo,» disce; «voi sete un iggnorante,
E nun zapete come li peccati
Hanno fatto la cchiesa militante.

Pe cquesto ir Papa ha li sordati sui;
E ssi Ccristo teneva li sordati
Sarebbe stato mejjo anche pe llui.»

25 dicembre 1845

Questa poesia è stata letta 348 volte