Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ah sse chiam’ ozzio er zuo, bbrutte marmotte?
Nun fa mmai ggnente er Papa, eh?, nun fa ggnente?
Accusí vve pijjassi un accidente
Come lui se strapazza e ggiorn’ e nnotte.

Chi pparla co Ddio padr’ onnipotente?
Chi assorve tanti fijji de miggnotte?
Chi mmanna in giro l’ innurgenze a bbotte?
Chi vva in carrozza a bbinidí la ggente?

Chi jje li conta li quadrini sui?
Chi l’ ajjuta a ccreà li cardinali?
Le gabbelle, pe ddio, nnu le fa llui?

Sortanto la fatica da facchino
De strappà ttutto l’ anno momoriali
E bbuttalli a ppezzetti in ner cestino!

31 dicembre 1845

Questa poesia è stata letta 776 volte