Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PAPA IN NER CORPUSDOMMINE

Giuseppe Gioacchino Belli

Portà un vecchio un par d’ora in priscissione
Pe Ppiazza Rusticuccia e er Colonnato,
Tritticanno llà in cima inarberato
Sotto quer culiseo de pivialone:

Arrampicallo poi ccusí scarmato
Su ppe le scale, er portico e ’r loggione,
Pe cconzolà cco la bbinidizzione
Tutt’ er monno-cattolico affollato...

Povero vecchio! e cchi jje pò ddà ttorto,
Si ddoppo ste du’ fronne de smazzata
Se bbuttò ss’ una ssedia e arrestò mmorto?

Però, ddicheno l’ ommini cattivi
Ch’ er morto diede a ppranzo una taffiata
Da cojjonà li morti e ppiú li vivi.

6 gennaio 1846

Questa poesia è stata letta 306 volte