Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Sentime, Teta, io ggià cciavevo dato
Che cquarchiduno te l’avessi rotta;
Ma che in sto stato poi fussi aridotta
Nun l’averebbe mai manco inzoggnato.

De tante donne che mme sò scopato,
Si ho mmai trovo a sto monno una miggnotta
C’avessi in ner fracosscio un’antra grotta
Come la tua, vorebb’èsse impiccato.

Fregheve, sora Teta, che ffinestra!
Che ssubbisso de pelle! che ppantano!
Accidenti che cchiavica maestra!

Eppoi, cazzo, si un povero gabbiano
Te chiede de sonatte in de l’orchestra,
Lo fai stà un anno cor fischietto in mano!

II

Pe tterra, in piede, addoss’ar muro, a lletto,
Come c’ho ttrovo d’addoprà l’ordeggno,
N’ho ffatte stragge: e ppe tutto, sii detto
Senz’avvantamme, ciò llassato er zeggno.

Ma cquanno me sò vvisto in ne l’impeggno
Drento a cquer tu’ fienile senza tetto,
M’è pparzo aritornà, peddío-de-leggno,
Un ciuco cor pipino a ppiggnoletto!

Eppuro, in cuanto a uscello, ho pprotenzione
Che ggnisun frate me pò ffà ppaura:
Basta a gguardamme in faccia er peperone.

Ma cco tté, ppe mmettésse a la misura,
Bisoggnerebbe avé mmica un cannone,
Ma la gujja der Popolo addrittura!

Morrovalle, 10 settembre 1831

Questa poesia è stata letta 992 volte