Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA TIRNITÀ DE PELLEGRINI

Giuseppe Gioacchino Belli

Che ssò li pellegrini? Sò vvassalli,
Pezzi-d’ira-de-ddio, girannoloni,
Che vviaggeno cqua e llà ssenza cavalli
E cce viengheno a rroppe li cojjoni.

E appena entreno a Rroma calli-calli
Co le lòro mozzette e li sbordoni,
’Gna alloggialli, sfamalli, ssciacquettalli,
Come fússino lòro li padroni.

Ma sti bboni cristiani de siggnori
Che li serveno a ccena, ammascherati
Da sguatteri, da cochi e sservitori,

Je dicheno in ner core: «Strozza, strozza;
Ma gguai, domani, si li tu’ peccati
Me te porteno avanti a la carrozza».

9 aprile 1846

Questa poesia è stata letta 1634 volte