Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI CARDINALI IN CAPPELLA

Giuseppe Gioacchino Belli

L’ho ccontati ggià io: sò cquarantotto:
Quarantasette rossi e uno bbianco,
E ttutti su cquer lòro cassabbanco
Barbotteno l’uffizzio a ttesta sotto.

Disce che oggnun de lòro è un omo dotto
E pparla, d’oggni cosa franco franco,
E appett’a llui nun ce la pò nnemmanco
Chi ha inventato le gabbole dell’Otto.

Disce che inzin ch’è stato monziggnore
Forzi oggnuno de lòro, Angiolo mio,
Ha ppuzzato un tantin de peccatore.

E mmó cche ssò Eminenze? Mó, dich’io,
Saría curioso de leggejje in core
Quanti de quelli llí ccredeno in Dio.

20 aprile 1846

Questa poesia è stata letta 373 volte