Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’AFFARI DE STATO

Giuseppe Gioacchino Belli

Che fa er Governatore? Arrota stilli
E li dispenza a sbirri e bberzajjeri.
E er Vicario! Arimúscina misteri
Per inventà ppeccati e ppoi punilli.

E er Tesoriere? Studia er gran bussilli
De straformà er bilancio in tanti zzeri.
E er Zegritar de Stato? Sta in guai seri
Pe ttrovà mmodo d’affogà li strilli.

Tratanto er Papa cosa fa? Ssi’ acciso!,
Guarda er zu’ orlòggio d’Isacchesorette,
E aspetta l’ora che sia cotto er riso.

Si ppoi pe ggionta sce volete mette
Quer che ffa er Padr’Eterno in paradiso,
Sta a la finestra a bbuttà ggiú ccroscette.

28 aprile 1846

Questa poesia è stata letta 1077 volte